La discarica di Palo del Colle, un caso di reato ambientale



www.comitato.no.discarica.over-blog.it

A circa 2km dalla città di Palo del Colle - BA, in località Trappeto del Principe, è ubicata la vecchia discarica cittadina, ormai esaurita ed inattiva da diversi anni. Per inattiva intendo che, il Comune di Palo del Colle non smaltisce più in tale sito i propri rifiuti urbani; in realtà la discarica è attivissima e assolve quotidianamente il proprio compito, quello di ospitare rifiuti di ogni tipo, illegalmente. In un nostro sopralluogo abbiamo avuto modo di testimoniare la piena attività del sito; innanzitutto la discarica non si presenta affatto come quello che dovrebbe essere un sito ormai chiuso, infatti: 

-non c'è traccia di copertura impermeabile dei rifiuti, torce per la captazione del biogas e altre sostanze gassose prodotte dalla decomposizione anaerobica dei rifiuti;
-non si è proceduti alla riqualifica ambientale del sito, obbligatoria per legge;
-non c'è una chiusura perimetrale del sito, a cui chiunque può accedere anche con mezzi pesanti da rimorchio.

Le conseguenze di tale incuria e disinteresse nei confronti della salute pubblica ci sono subito apparse chiare. Entrando nel sito abbiamo subito trovato rifiuti di ogni tipo, dal cui stato si intuiva il recente sversamento: elettrodomestici, copertoni, recipienti di vernici o altre sostanze chimiche, materiali da costruzione, lastroni in amianto.
Molti di tali rifiuti sono stati evidentemente dati alle fiamme e la composizione prevalentemente plastica ha certamente causato la produzione di diossina, sostanza che si presenta sotto forma di nanoparticelle fortemente cancerogene per inalazione e che facilmente entrano nella catena alimentate (con conseguenze più che ovvie), ricadendo sui terreni limitrofi coltivati ad ulivo.
Alla discarica dovrebbe essere immediatamente interdetto l'accesso: chiunque infatti potrebbe accedervi e sversare rifiuti di qualsiasi genere, anche estremamente tossici di origine industriale, ipotesi tutt'altro che surreale quando si parla di una regione martoriata dalle ecomafie e con il più alto numero di discariche abusive in Italia (fonte: Corpo Forestale dello Stato).

Inoltre la decomposizione dei rifiuti (spero solo domestici) al di sotto della blanda e poco efficace copertura in terra provoca spesso fenomeni di autocombustione con la continua fuoriuscita di sostanze gassose nocive i cui miasmi si diffondono continuamente nell'intera area circostante e nella cittadina quando questa è sottovento.
Ma forse il reato ambientale più grave è quello che probabilmente si consuma giorno dopo giorno, nel sottosuolo, in maniera pressochè invisibile e silenziosa: nel sito non ci sono geomembrane impermeabili né di copertura, nè di base; non c'è la vasca di raccolta (obbligatoria per legge) del percolato (acque reflue altamente tossiche prodotte dalla contaminazione delle acque piovane a seguito della decomposizione dei rifiuti). Non essendoci perciò alcuna barriera, né naturale né artificiale, e alcuna vasca di raccolta, il percolato si infiltra nel sottosuolo inquinandolo; bisogna inoltre considerare l'eventuale presenza di una falda acquifera sottostante utilizzata per l'irrigazione degli uliveti della zona.
Il pericolo per salute pubblica è evidente, reale, ma enormemente sottovalutato da per disinteresse o ignoranza sui temi ambientali la cui ricaduta sulla salute è silenziosa ed estremamente pericolosa.
Quanti contadini lavorano nelle vicinanze ogni giorno, da anni, inalando i tossici gas di decomposizione e combustione?


Quanti per anni avranno venduto o consumato olio (magari convinti della sua genuinità) prodotto in coltivazioni irrigate con acqua molto probabilmente inquinata dal percolato?

Il sito necessita immediatamente una bonifica, per contenere e se possibile annullare, ulteriori forme di inquinamento: soltanto una presa di coscienza da parte della comunità sui pericoli che rappresenta tale discarica, sarà probabilmente il primo passo verso un'azione seria e tempestiva da parte del Comune.

Profilo dell'autore

JOSHUA: Adulto, ma ancora un po’ bimbo dentro, geofisico ma anche chitarrista, sono un inguaribile appassionato di scienza e fotografia. Per non parlare dell’Heavy Metal, la politica, la satira ed i farfalloni panna e prosciutto! Scrivo sul blog per diffondere notizie, scoperte, riflessioni che sarebbe sprecato tenere per sé.

Posta un commento Default Comments

  1. Abbiamo provveduto su vs segnalazione ad allertare le forze dell'ordine. Comitato Pro Ambiente Modugno

    RispondiElimina
  2. Vi ringraziamo nuovamente (abbiamo già provveduto nella risposta alla vostra e-mail). Speriamo le acque si muovano..per ora,l'importante è aver reso noto il problema di Palo (o meglio,uno dei tanti). Buon Natale

    RispondiElimina
  3. Abbiamo pubblicato l'informazione http://palodelcolle.netsons.org/ed21/ e segnalato la questione ai comitati di quartiere.
    Saluti
    Riccardo
    http://palodelcolle.netsons.org
    mailto:palodelcolle@netsons.org

    RispondiElimina
  4. Grazie davvero per l'impegno! Speriamo tutto ciò sia a buon rendere. Buone feste

    RispondiElimina
  5. sistemate la mail del sito di palo: palodelcolle@email.it poi ditemi a chi è stata affidata la progettazione della bonifica? i nomi sono sempre gli stessi! diamoci dentro ragazzi!

    RispondiElimina

emo-but-icon

Seguici!

Hybris&Joshua. Powered by Blogger.

HOT

NEW

Translate this blog!

Visite Totali

Mappa Visitatori

item
"